Il Cinema – Teatro di Predazzo ha fatto da cornice a una convention che ha riscritto il vocabolario del benessere abitativo. Organizzata da Fiemme Tremila, un’azienda rinomata per l’impegno nell’ecosostenibilità e nella qualità dell’abitare, l’evento ha accompagnato i partecipanti in un viaggio attraverso le nuove frontiere del vivere quotidiano. Qui è stata tracciata una rotta che naviga verso l’essenza stessa del benessere personale, rivoluzionando il concetto di spazio abitativo.

L'Alchimia del Benessere abitativo: protagonisti del cambiamento

Il dibattito sul benessere abitativo ha preso vita grazie a un gruppo selezionato di visionari che, con il loro sapere, hanno innalzato il dialogo a un confronto sui valori fondamentali della salute e dell’abitare.

Leopoldo Busa, dalla sua cattedra universitaria romana, ha condiviso la sua esperienza sul protocollo di attività nell’ambito del benessere abitativo, sottolineando la cruciale importanza della qualità dell’aria nelle nostre case e nei nostri luoghi di lavoro.

Maria Chiara Voci, giornalista del Sole 24 Ore e voce influente nel mondo dell’home health tech, ha portato alla luce l’impatto delle tecnologie nel trasformare le nostre abitazioni in oasi di salute, fornendo preziosi insight attraverso il suo podcast e la sua presenza sui social.

Andrea Bariselli di Strobilo ha poi toccato il tema del potere rigenerante della natura, sottolineando come questa possa essere ingegnosamente integrata negli spazi abitativi per promuovere un ottimale stato di salute psicofisico.

Davide Bornati ha avuto l’onore di chiudere la tavola rotonda, facendo il punto sulla missione di Dall’Ava, ovvero la creazione di spazi che migliorino la qualità della vita, sfruttando la conoscenza condivisa per formulare un approccio metodologico pionieristico nella progettazione che mette l’uomo al centro.

Il Progetto "Benessere Zeropuntozero"

La rivoluzione di Dall’Ava è sfociata nella Newco Benessere Zeropuntozero, un’espressione tangibile dell’impegno nel ricercare soluzioni abitative che favoriscano il benessere dell’individuo. Il progetto si articola in una metodologia processuale che vede l’abitazione non più come un semplice rifugio ma come un complesso sistema sensoriale.

Il progetto Benessere Zeropuntozero si basa su quattro pilastri fondamentali: il coinvolgimento emotivo, il coinvolgimento cognitivo, il focus e il relax.

Questi elementi sono integrati attraverso studi approfonditi del colore, non solo per la sua bellezza estetica ma anche per le sue proprietà cromologiche e psicologiche; l’uso di materiali naturali come l’olio di cirmolo, noto per i suoi benefici sulla frequenza cardiaca; e sistemi di illuminazione che seguono i principi della human centric lighting, adattando luce e frequenze al ritmo circadiano dell’individuo.

Questo approccio metodologico si concretizza nella realizzazione di spazi che sono veri e propri ecosistemi di benessere, capaci di adattarsi e reagire alle necessità degli abitanti. Dall’Ava si immerge così nell’avanguardia della progettazione abitativa, dove la tecnologia domotica e le soluzioni tech-savy diventano strumenti per una qualità di vita che supera le aspettative tradizionali.

Panel di discussione: un approccio multidisciplinare al Benessere Abitativo

Il cuore pulsante dell’evento è stata la tavola rotonda, dove ogni esperto ha contribuito con il proprio punto di vista unico.

Marco Felicetti, CEO di Fiemme Tremila, ha svelato come le proprie ricerche siano culminate nella certificazione di emissione di VOC benefici, rivoluzionando il settore con materiali che contribuiscono a migliorare la qualità dell’aria negli ambienti in cui vengono inseriti, grazie alla loro emissione di VOC benefici

Il coinvolgimento di Leopoldo Busa, con il suo protocollo Biosafe per la certificazione della qualità dell’aria, ha fornito un ulteriore tassello nella costruzione di un ambiente abitativo che protegga e promuova la salute.

Un contributo significativo è arrivato anche da Armin Hofstaetter, chimico la cui ricerca si è concentrata sulle vernici per la transizione dalla petrolchimica a una chimica basata su risorse vegetali.

Andrea Bariselli ha evidenziato il potere benefico della natura e il suo impatto sullo stato psicofisico degli individui. I suoi insights hanno dimostrato come gli spazi abitativi possano essere più che semplici luoghi di passaggio: possono essere ambienti che nutrono, sostengono e rigenerano.

Le finiture degli interni di Dall’Ava sono scelte strategiche volte a creare un ambiente che stimoli le giuste suggestioni e emozioni, sia di relax sia di focus, a seconda del contesto. Questo è un esempio di come la selezione attenta e consapevole dei materiali e delle tecnologie possa influenzare positivamente la qualità della vita all’interno degli spazi abitativi.

Dall’Ava, supportata da un laboratorio innovativo, ha tradotto tutte queste conoscenze in un approccio metodologico alla progettazione che supera i confini tradizionali, fondendo scienza e design in una visione all’avanguardia del benessere abitativo.

 

Il dialogo ricco e complesso che si è snodato durante il panel ha chiarito una verità fondamentale: il benessere abitativo è un mosaico complesso, dove ogni tassello ha un ruolo critico nel supportare la salute e il benessere degli abitanti.

Questo cambiamento riflette un trend più ampio di sostenibilità e salute ambientale che Dall’Ava ha saputo integrare con maestria nell’uso pratico.

L'intervento di Davide Bornati: il Benessere integrato nella progettazione

La chiusura dell’intervento è stata affidata a Davide Bornati, il cui intervento ha sintetizzato l’essenza di tutte le presentazioni precedenti, introducendo la visione pratica di Dall’Ava nel progetto del benessere abitativo.

Bornati ha descritto un processo di design che prende vita dall’ascolto attento delle esigenze umane, dalla comprensione profonda dei materiali e delle tecnologie disponibili, fino all’integrazione di questi elementi in un’esperienza abitativa che sia rigenerante.

In questo contesto, “Benessere Zeropuntozero” è stato presentato non solo come un progetto, ma come una filosofia di vita, una promessa di spazi che siano in grado di adattarsi e rispondere alle mutevoli necessità degli abitanti.

La casa diventa un santuario personale, un laboratorio di vita, un luogo di crescita e rigenerazione continua.

Dall’Ava, attraverso l’integrazione di scienza, arte, tecnologia e una profonda empatia umana, offre più che semplici spazi abitativi: offre esperienze che arricchiscono la vita di ogni giorno, promuovendo un benessere che si radica nel cuore stesso di come e dove viviamo.

Contattaci

Orari Showroom

Lunedì
09.00–12.00
Da Martedì a Sabato
09.00–12.00, 14.30–18.30

Concesio

Via Europa, 68
Concesio (BS)
Italy

Lingua: IT

Privacy Policy | Cookie Policy